Touch Style

Modifica Wiimote con LM2596 06/03/2015
Parliamo sempre di LIM-Wiild, in particolare in questo post descriverò i passi da fare per eseguire la modifica su Wiimote per consentire, nei casi di accessibilità difficoltosa, di avere il controller sempre alimentato e in "reset".
COMPONENTIIl primo passo è, ovviamente, acquistare un Wiimote PLUS. Consiglio le versioni originali Nintendo, garantiscono una migliore affidabilità nel pairing bluetooth e (dicono) delle migliori prestazioni in condizioni di disturbi luminosi.
Secondo passo è acquistare un convertitore di tensione basato sull'integrato LM2596 (data sheet disponibile...

nobody

Don’t stop RAI on GNU/Linux 25/02/2015

Sinceramente odio la televisione, non come oggetto in sè, ma per quello che spesso riproduce.

A parte un film in DVD una volta a settimana, per me non esiste, ma nutre in me il desiderio di vedere BLOB dopo cena.

Peccato che a quell’ora non riesco a vederlo così, qundo tutti dormono, mentre spippolo solitario con la mia Debian mi lascio andare nel soddisfare queste mie voglie.

Lancio Iceweasel 35.0.1 e grazie all’addon RaiView 2.8.8 mi vedo su RAI Replay l’episodio della serata.

Avviso per i caproni che scaricano la versione 2.8.8 che non funziona più aptrite l’articolo e prelevate la versione 2.8.9 (poco sotto) che funziona

...

Touch Style

Una Wiild senza Wii 03/02/2015
Da qualche tempo sto seguendo il progetto WiildOS che ha l'obbiettivo di fornire un sistema operativo (OS) e di puntamento (Wiild) per la gestione di una lavagna interattiva multimediale.

Il cuore del sistema è il controller Nintendo Wiimote che, collegato e configurato opportunamente su un sistema Linux, consente mediante una penna con led ad infrarossi di "pilotare" il mouse della LIM:


La mia idea è quella di utilizzare, al posto della penna ad infrarossi e del relativo Wiimote, una mouse-pen:

...

lightuono

[ Check-Raid ] Stoppare il controllo del Raid 22/07/2014
A volte potrebbe capitare di dover stoppare lo script raid-check e per farlo non basta un kill -9 PID. Per stoppare il processo bisogna cambiare lo status del file sync_action. # echo "idle" >/sys/block/DEVICE/md/sync_action dove al posto di DEVICE dovete scrivere il vostro device, esempio (md1,md3 o md0).   Dev Null Articoli Correlati:
  1. JCKEditor su Joomla 1.5 problemi controllo corpo dell’articolo
  2. IPv6 addrconf: prefix with wrong...

Claudio Moratti

Generare le traduzioni per i modelli di ActiveRecord 17/03/2014

Ruby on Rails è sicuramente un framework molto potente, ma lo sviluppatore italiano soffre spesso del problema della traduzione dei modelli, in quanto la nomenclatura usata è prevalentemente inglese ed è best practice usare l’inglese nei modelli e negli attributi. Da qui la necessità di tradurre i nomi dei modelli e i nomi degli attributi dei modelli.

Dopo aver speso una considerevole quantità di tempo a ricopiare a mano gli attributi dei modelli e inserire le traduzioni ho trovato questa gemma: i18n_generators che permette di generare il file usato per poi tradurre il nome dei modelli e degli attributi.

Una volta installata come gemma, il funzionamento è semplice:

$ rails g...

Claudio Moratti

Pulire l’html da tag non necessari con sanitize 06/03/2014

Continuando quanto detto ieri, circa la chiusura di tag html lasciati aperti, oggi vi presento un’altra gemma molto interessante: sanitize.

L’obiettivo di questa gemma, basata su nokogiri, è di pulire l’html da tag non voluti o malevoli.

Una volta installata, potremo accedere al metodo “clean” della classe “Sanitize” nel seguente modo:

Sanitize.clean(html)

questo rimuoverà, come impostazione di default, tutti i tag html. Oltre al filtro di default, moooolto restrittivo, sono presenti anche i seguenti filtri:

...

Claudio Moratti

Forzare la chiusura dei tag html con nokogiri 05/03/2014

Affrontando l’esportazione di un sito sviluppato alcuni anni fa in Ruby on Rails, mi sono accorto che chi ha inserito i contenuti ha lasciato dei tag html aperti. La cosa da non pochi problemi nel sistema di destinazione in quanto destabilizza la grafica (sapete anche voi quanto casino può generare un <div> non chiuso).

Per risolvere questo problema possiamo usare la gemma nokogiri, un parser html e xml.

La sintassi è semplice:

Nokogiri::HTML.parse('<div>').inner_html

Ci restituirà la struttura completa di una pagina html con il <div> correttamente chiuso:

"<html><body><div></div></body></html>"

Ovviamente noi non abbiamo bisogno di tutta la struttura della pagina, quindi possiamo sfruttare il...

Claudio Moratti

Sclero da e-commerce 30/01/2014

Oggi sono vicinissimo allo sclero… per colpa di un e-commerce realizzato con un prodotto (opencart) che, insieme ai vari prodotti ecommerce e anche qualche forum, mi hanno deluso profondamente.

Veniamo a noi: quando uno un cms/framework/prodotto ben fatto (drupal o wordpress) mi trovo davanti a moduli self-containet che, tramite hook o funzioni, interagiscono col cms/framework e fanno il loro dovere.

Con opencart (il colpevole in questo caso) questo non succede e i moduli più interessanti richiedono patch o l’utilizzo di vqmod, che in pratica va a modificare i sorgenti a runtime… l’idea di base potrebbe essere buona, se non fosse che ad ogni aggiornamento c’è da sperare che tutto combaci alla...

risca

Report attivitá del mese 06/09/2013

Cari internauti,

prendendo ispirazione dal planet di debian.org ho deciso periodicamente di fare il punto delle mie attivitá correlate al software libero mese per mese.

Agosto é stato un periodo ricco di emozioni legate alla comunitá Debian, ma con un sapore un po' amaro per il susseguirsi di vicende personali e lavorative che mi sono stato fonte di cruccio e distrazione. Peró permettetimi adesso di concentrarmi sulle prime e dimenticare per un po' le seconde.

In questo agosto 2013 c'é stato il 20o compleanno di Debian e la 13a edizione del DebConf. L'ubicazione é stata una delle piú appropriate, uno splendido camp nei pressi di Vaumarcus, vista lago e montagne. Per fortuna il posto é comodo anche per noi italiani, traducendosi in poco meno di 3 ore...

risca

The Beauty of Programming 26/06/2013

Perchè l'informatica può affascinare così tanto, seppure vista da fuori i più la percepiscono come una attività noiosa? Come è possibile che 797 cm2 possano essere più interessanti di tutto ciò che accade attorno?

Penso che (stima molto a ribasso) per il 99,999% del suo tempo di vita ad un generico processore del computer sia richiesto di eseguire compiti tristi, al pari dell'intelligenza di una lavatrice1. Ad esempio rapire l'utente di un social network illudendolo di avere un vita sociale, lobotomizzare il giocatore con uno sparatutto o fare imprecare il lavoratore con un programma di merda scritto da un programmatore che nulla sa in merito a ciò che il suo software andrà ad effettuare ma che si fa pagare...

risca

Chiavetta ONDA TM201 (1ee8:0064). Come non sviluppare il software libero. 19/06/2013

Ebbene sì, i cellulari da 100 Eurozzi hanno a volte una capacità di connessione un po' infima. Da qui l'urgenza di comprarmi la chiavetta Internet per la mia connessione in mobilità.

Pur volendo fare una scelta consapevole, specie se in un posto di villeggiatura, si è costretti a prendere quel che capita sullo scaffale del negoziante TIM/WIND/Vattelapesca. E non puoi nemmeno chiedere consiglio perché se parlassi di potenza e di onde tutt'al più il commesso ti risponderebbe cosa centri il capoluogo più alto d'Italia con il mare.

E così mi finì tra le mani lei, bianca e lucida come un supposta, ma di dimensione un po' più grande e meno scivolosa: la chiavetta ONDA TM201, riferimento lsusb 1ee8:0064. Antenna interna e, udite udite, supporto Linux...

risca

Paese nel pallone. Vince il metodo STAMINA. 06/06/2013

Gioite compagni di disavventura, imbarcati in una nave sanza nocchiere in gran tempesta!, il metodo STAMINA alla fine l'ha spuntata. E l'ha spuntata a man bassa!

Non solo ha ottenuto un blebiscito alle camere (un solo contrario!) ma si porta a casa anche 3 milioni di "investimenti in ricerca" dal ministero della sanità. E per fortuna che avevamo in parlamento gente nuova, con un grillo per la testa, capace di fare la differenza. E per fortuna che abbiamo trasmissioni di inchiesta che sanno discernere tra il vero e la truffa. Macché, la TV è fatta solo di Iene che inseguono audience a scapido di insinuare false speranze a che vive nella disperazione più totale. Speranze a persona che già poter pensare ad un anno, un mese di vita potrebbe essere un miracolo.

Grazie anche a...

Condividi contenuti