Repository

Per provare KDE 4.1 in Debian Lenny.

Pochi semplici passaggi per provare Kde 4.1.x :

Aggiungere questa riga al file /etc/apt/sources.list
deb http://kde4.debian.net/ lenny main
Aggiornare il database :
# aptitude update or # apt-get update

e poi continua quì............

http://www.osrevolution.netsons.org/2008/08/23/kde-41x-backports-for-debian-lenny/

oppure:

http://ekaia.org/blog/2008/08/21/kde-41-backported-packages-for-lenny/

Nuovo aggiornamento Debian Etch 4.0


con una news del 26 luglio 2008, il progetto Debian annuncia il quarto aggiornamento della sua distribuzione stable di Debian GNU / Linux 4.0 (nome in codice Etch).

Debian 5.0 Lenny: volata finale!

secondo quanto comunicato da "debian-devel-announce@lists.debian.org", siamo in dirittura d'arrivo per Debian Lenny 5.0 Stable e già si intravvede lo striscione dell'ultimo chilometro.

La prossima settimana: Full freeze

Settembre 2008: Rilascio!

Di seguito l'e-mail del "debian-devel-announce@lists.debian.org"....

La longevità della mia Debian.......

L'hard disk del mio portatile è piccolino, solo 50 Gb. La partizione hda1 è quella fissa che non si tocca mai, perchè contiene il sistema operativo. Normalmente contiene la "testing" di Debian. Ora però sono arrivato al capolinea (la mia macchina è abbastanza vecchia) e con Lenny mi fermerò. La partizione hda2 è invece il mio "container" o "archivio" o come preferite chiamarla. Quì ci sono i miei dati e tutto quello che mi serve. Ogni tanto, porto l'archivio sopra uno o due dvd per utilizzare questa partizione per prove di altri sistemi operativi. Quando installo nella partizione hda2 non installo mai grub a fine installazione, ma modifico a mano quello della hda1.............

KDE 4.1 RC1.

Il 15 luglio 2008 è stato rilasciato il D.E. KDE 4.1 RC1, che si avvia verso il rilascio finale previsto per il 28/29 luglio 2008. Per gli amanti del "brivido" è possibile provare il nuovo d.e.

Perchè orientarsi verso Debian.

Ne abbiamo parlato spesso e, spesso se ne parla in varie sedi. La distribuzione Debian GNU/Linux e le distribuzioni orientate a Debian più in generale presentano molti punti "forti" per essere scelte. Questo post, semplice e chiaro, evidenzia molto bene i motivi di una scelta.

via debian-news.net

http://codeghar.wordpress.com/2008/07/08/why-i-am-leaning-toward-debian/

Gnome: la fine di un amore.

Se parliamo di ambiente grafico. sono cresciuto a pane e.. Gnome. Alcuni dicono che sia un d.e. troppo semplice e proprio a causa di questa semplicità, carente per quanto riguarda una configurazione ottimale per le varie esigenze. Però, in questo ambiente semplice e minimale mi sono trovato sempre bene. Così bene da non sentire mai la necessità di passare ad altri D.E., se non per prove occasionali. Poi un anno fa circa, ho lasciato Gnome per motivi "politici" ed ho iniziato ad utilizzare fluxbox con grande soddisfazione. Agli inizi di giugno però......

Bug: Meglio pensarci prima....

Devo ammettere di avere avuto troppa fretta e di non essermi sufficientemente informato.

Ho segnalato un bug di nautilus 2.20, ma il mio lavoro è stato inutile, perchè il bug era già noto e ampiamente documentato. Comunque ho avuto lo stesso una gentile risposta via e-mail. E' un buon segno e le cose non sono davvero lasciate al caso. Però Mi servirà di lezione per la prossima volta! :)

http://bugzilla.gnome.org/show_bug.cgi?id=540916

Joe: piccolo grande editor

Da: http://www.pluto.it/files/journal/pj9807/joe.html

"Durante la mia prima installazione di Linux ho buttato l'occhio sui messaggi descrittivi dei vari pacchetti installati, e tra i tanti ho notato un editor molto simile a Wordstar, e la cosa, proveniendo dall'ambiente msdos e Turbo Pascal, significava diventare operativo da subito anche in ambiente Linux. Joe poi è diventato il mio editor preferito. Semplice, comodo per molti usi, e sotto sotto anche molto potente (anche se non potrà competere con emacs come funzionalità).

SCons: l'alternativa a Make.

Tutta la potenza di Python e dei suoi script. Gestione automatica delle dipendenze. Contiene funzionalità simili a autoconf / automake e al compilatore di cache ccache. Con SCons si cerca di fornire uno strumento più facile da usare, più affidabile e più veloce. Come dice il titolo: una possibile alternativa a make nella creazione dei pacchetti debian.

http://www.qandr.org/quentin/writings/debscons.html

Condividi contenuti