Linux

Gobuntu: via il software proprietario.

Già con gNewSense (derivata direttamente da Ubuntu) si erano fatti esperimenti in questo senso e anche Richard Stallman nel suo blog consiglia gNewSense. Ora, anche Mark Shuttleworth, fondatore di Ubuntu, annuncia una nuova versione di Ubuntu, che si chiamerà Gobuntu e che conterrà solo programmi a codice aperto. Ottima scelta!

L'articolo completo su Punto Informatico

Linus Torvalds e la GPLv3

Linus Torvalds non ha mai dimostrato troppa simpatia per la GPLv3. Questa volta forse si è andati un pò più in là delle semplici critiche.

Questo è l'articolo completo

Kolivas/kernel: possibili ripensamenti?

A proposito del Dr. kolivas e delle sue patch, per quanto riguarda la patch "swap prefetch", che come buona parte delle sue patch, riguarda i sistemi desktop, Kolivas si è rivolto in modo perentorio a Morton e Torvalds affinchè prendano una decisione definitiva riguardo l'inserimento o meno nel kernel. Se la risposta dovesse essere positiva...... chissà, tutto è possibile.

Ecco l'articolo completo

FireFAQ e ThunderFAQ

Mozilla Firefox e Thunderbird sono probabilmente tra i migliori programmi per navigare e gestire la posta che siano disponibili (su varie piattaforme). Mozilla ha rilasciato FireFAQ e ThunderFAQ (licenza creative commons), dei veri e propri libri in formato elettronico facilmente consultabili, che contengono la soluzione ai problemi più o meno comuni di Firefox e Thunderbird.

Quì la notizia e i collegamenti 

Microsoft e Turbolinux

Sì, lo sò, sono notizie noiose, sempre le stesse cose. Però io continuo a scriverle, così da mettere in guardia quelli che come me ancora credono in qualcosa di pulito. Eccoci al nuovo inciucio, come direbbero i nostri politici. Sull'altare sacrificale, questa volta sale Turbolinux.

Potete leggere la notizia completa quì

Niente KDE4 per Kubuntu?

Gutsy Gibbon uscirà ad ottobre. Troppo presto per Kde4. Poi la successiva release sarà una LTS come Dapper e, quindi, solo software altamente testato. I tempi di Kde4 sembrano non coincidere con le uscite programmate da Kubuntu. E allora, come finirà?

Vi rimando alla fonte della notizia 

Gnu/Linux alla camera dei deputati

Il testo scritto sotto è stato copiato così come l'ho trovato, da un blog della rete:

"E’ stato presentato ieri dai deputati questori (Albonetti, Colucci e Galante), insieme al dirigente del servizio informatica, il piano per il passaggio dell’infrastruttura informatica della Camera da Windows a Linux, il noto sistema operativo open source.
Il piano prevede il passaggio graduale dell’intera amministrazione di Montecitorio al nuovo sistema (server, desktop e applicazioni) e l’opzione, a richiesta, per le segreterie e i deputati (compresi i computer portatili).
Inoltre la biblioteca di Mont

Quante distribuzioni derivate da Debian?

Un elenco senza dubbio attendibile lo pubblica Debian stessa sul suo sito,

a questa pagina

Non sò quanto sia aggiornato l'elenco, ma ad un primo sguardo mi sembra abbastanza completo. E' piacevole vedere che Debian da vita a tanti progetti. La raffinatissima gestione dei pacchetti, è probabilmente uno degli elementi determinanti quando viene scelta come base. Vado spesso in questa pagina e i nomi di quelle distribuzioni mi sono tutti simpatici. Un nome solo non mi piace: Xandros. Non lo sò perchè, ma non mi piace.

Italiani: molti programmatori open source

Come tutti possono constatare, SourceForge.net ospita moltissimi progetti open source.Nell’ultimo convegno “Southern California Linux Expo”, Ross Turk, Community Manager di SourceForge.net, ha fornito alcuni dati sui progetti open source ospitati dalla piattaforma. Gli sviluppatori italiani giocano un ruolo di primissimo piano, occupando il terzo posto nella graduatoria degli iscritti.

L'articolo completo può essere letto quì

Il file system *nix

da IBM un ottimo articolo che spiega in modo abbastanza semplice, la struttura del filesystem *nix, quello per intenderci di unix e di gnu/linux. Il testo completo, in inglese, può essere letto

a questo indirizzo.

C'è anche una traduzione parziale in italiano,

che può essere letta quì.

Condividi contenuti