Debaday

Scribus: software libero per DTP.

Nela descrizione su Wikipedia viene presentato così:

Scribus è un'applicazione libera di desktop publishing (DTP). Ad oggi, è distribuito per i sistemi operativi Linux, Unix, Mac OS X e Windows. Esempi d'utilizzo includono produzione di newsletters, piccoli quotidiani e presentazioni in PDF interattive e animate.

Grub: conosciamolo meglio

Grub è il boot loader predefinito in Debian, ma è stato preferito a Lilo ormai in quasi tutte le distribuzioni gnu/linux. Conoscerlo un pò meglio non fa mai male e per questo sono benvenute tutte le guide che trattano l'argomento. Questa è del wiki di p2pforum.it e mi sembra veloce da leggere e molto semplice da comprendere.

Via ZioBudda ecco il link alla pagina.

Fluxbox in Debian.

Da circa tre mesi ho abbandonato Gnome per utilizzare con enorme soddisfazione il W.M. Fluxbox. Lo sto utilizzando sia su un'installazione Etch 4.0 che su un'installazione Testing/Sid. Inizialmente ho incontrato alcune difficoltà, dovute sopratutto al fatto che mi ero impigrito (e abituato bene!) utilizzando il D.E. Gnome. Poi riabituandomi piano piano all'utilizzo più intensivo della shell, sono riuscito ad ottenere delle configurazioni ben fatte.

Debian: unificare la gestione dei pacchetti.

Il tool più utilizzato per gestire i pacchetti sulle distribuzioni Debian-based è sicuramente apt, nonostante lo storico package manager abbia limitazioni ( la rimozione automatica dei pacchetti superflui, per esempio ) non presenti in alternative come aptitude. Talvolta, però, si potrebbe sentire la mancanza di un tool “a 360 gradi”, capace di gestire qualsiasi compito relativo alla gestione di un pacchetto.......

Articolo su  www.ossblog.it

Gimp 2.4.0

E' finalmente stata rilasciata la versione stabile 2.4.0 di GIMP!!! Per i dettagli visitate http://www.gimp.org Unica pecca ... non sono ancora disponibili i pacchetti binari per i vari sistemi operativi, ma sono sicuro che arriveranno a breve!!!

Articolo di ZioBudda del 24-10-2007

sito di Gimp

Le falle di RealPlayer

La Symantec ha avvertito tutti gli utilizzatori del famoso Real Player circa una nuova falla di sicurezza che potrebbe esporli a delle minacce del tutto pericolose durante la navigazione sul Web. Attualmente solo contro gli utenti Windows sono presenti degli exploit ma ad esserne affette potrebbero essere anche la versioni per Linux e Mac.

Articolo su TuxJournal.net 2.0

Promogest, gestionale Open Source.

La necessità di gestire la propria azienda attraverso strumenti informatici, è diventata al giorno d'oggi talmente importante da rendere i software gestionali fondamentali nell'attività imprenditoriale, e inoltre, la scelta software che più si adatti alle proprie esigenze, è un'operazione da tenere nella giusta considerazione.
Nella scelta di un gestionale si profilano, al giorno d'oggi, due possibilità: optare per una soluzione proprietaria, oppure, guardare all'universo open source.
La scelta proprietaria, implica tutta una serie di limitazioni nelle quali si è probabilmente già imbattuto

Xdg-user-dirs in Debian Sid.

Installando xdg-user-dirs, dal menù Risorse appaiono ora delle directory predefinite, Documenti, Musica, Video, Scaricati, che possono essere definite sia a livello amministratore andando a modificare i percorsi in /etc/xdg/user-dirs.default sia l’utilizzo dello stesso e l’encoding del charset nel file /etc/xdg/user-dirs.conf valevoli per tutti gli utenti del sistema, che a livello utente creando i due file in ~/.config rispettivamente user-dirs.dirs e user-dirs.locale , naturalmente il tutto verrà tradotto nella propria $HOME in base al

rilasciato KDE 3.5.8.

16 ottobre 2007 (INTERNET). Il progetto KDE annuncia oggi l'immediata disponibilità di KDE 3.5.8, una versione di manutenzione per l'ultima generazione del più avanzato e potente Desktop libero per GNU/Linux e altri UNIX. KDE attualmente supporta 65 lingue e ciò lo rende accessibile a più persone di quanto lo possa fare la maggior parte del software proprietario.

OpenOffice.org 3: anche il client di posta elettronica

Che OpenOffice.org sia la risposta libera alla suite proprietaria di Microsoft si sapeva. Con la versione 3, però, la competizione si scalda ancora di più perché l'ulteriore "gioiello" di casa Redmond a essere insidiato pare che sarà il client di posta elettronica Outlook.

Articolo su gnuvox.info.

Condividi contenuti