blog di s3v

Il primo risultato del progetto DEX

Come anticipato da Matt Zimmerman sul suo blog, il progetto DEX, lanciato dallo stesso Zimmerman e da Zacchiroli, ha raggiunto il primo obiettivo che si era preposto: rivedere tutte le oltre 250 vecchie patch di Ubuntu e capire se fosse possibile o meno applicarle ai pacchetti forniti da Debian.

Il risultato dello sforzo sulle "ancient patch", che ha visto il team di Ubuntu e gli sviluppatori Debian David Paleino, Colin Watson, Nathan Handler e Steve Langasek lavorare fianco a fianco per oltre due mesi, è giunto al termine.
Delle vecchie patch di Ubuntu, ne sono state scartate rapidamente circa il 95% in quanto obsolete o già applicate; il lavoro più duro si è dunque avuto per le patch rimanenti, alcune in stallo nel BTS, che hanno richiesto una discussione tra i membri di DEX oppure tra DEX e gli sviluppatori upstream.

Elezioni DPL: un solo candidato, molte perplessità

"If we would learn what the human race really is at bottom, we need only observe it in election times." - M. Twain
Parafrasando questa frase di Mark Twain potremmo scrivere: se volessimo capire qual è in fondo lo stato della comunità Debian, dobbiamo osservarla in tempo di elezioni.

Ne è rimasto solo uno
"You have power beyond imagination. Use it well, my friend." - Ramirez

Le prossime elezioni - dal 2 al 15 aprile 2011 - saranno le prime, dall'introduzione della costituzione di Debian, ad avere un unico candidato alla carica di Debian Project Leader: il leader uscente Stefano Zacchiroli.

Iniziativa per migliorare la collaborazione tra Debian e Ubuntu

Stefano Zacchiroli, attuale Debian Project Leader, e Matt Zimmerman, CTO di Ubuntu, hanno deciso di intraprendere il primo passo concreto per migliorare la collaborazione tra Debian e le distribuzioni derivate, prima fra tutte Ubuntu.

Il progetto che prende vita è stato denominato DEX e si prefigge il compito concreto di predisporre tutti gli strumenti necessari per avviare un "percorso veloce" di introduzione in Debian delle patch, dei bugfix e dei miglioramenti ai pacchetti che le distribuzioni derivate applicano al loro software.

Condividi contenuti