Filesystem Ext3 + Journal

La memorizzazione dei dati sui dispositivi di archiviazione (hard disk, cd e dvd, penne usb, floppy....) fa sì che si renda necessario creare regole precise per l'ordinamento e la gestione di tutti questi dati. Il sistema che si occupa di tutto questo si chiama Filesystem, il quale, a seconda di come è stato progettato, crea una struttura che facilita tutte le operazioni che vengono svolte sui dati (archiviazione, ordinamento, manipolazione, estrazione). Nei sistemi operativi Gnu/Linux, il filesystem probabilmente più diffuso è Ext3 .......>

Poichè deriva direttamente da Ext2, si è cercato di mantenere la compatibilità con il predecessore e, questo, è evidenziato anche dalla facilità nel passare da un filesystem all'altro perchè sono state riutilizzate le stesse strutture dati. Nato nel 2001, si è evoluto rispetto all'Ext2, con l'adozione del sistema di Journaling. Il sistema operativo si serve della memoria per conservare i dati modificati o aggiunti (la RAM è più veloce del supporto) prima di scriverli nel supporto di memorizzazione. La scrittura comporta ovviamente la modifica della tabella di descrizione del filesystem. Ora, si potrebbe verificare una qualsiasi interruzione imprevista del sistema (crash, mancanza di corrente, rottura di un componente) nel momento in cui la tabella viene modificata. In questa situazione, non solo si rischia di perdere i dati modificati, ma si rischia di compromettere il filesystem stesso. Per evitare questi disastri è stato introdotto proprio il Journal (area ben definita del disco fisso), che altro non è se non un registro dove vengono memorizzate tutte le operazioni di scrittura e modifica dei dati. I dati del journal saranno trasferiti al filesystem solo a fine oparazione. Qualora si verificasse un interruzione imprevista del sistema come detto sopra, nel momento in cui i dati vengono scritti nel journal o trasferiti al filesystem, si può riportare il filesystem in uno stato consistente e addirittura recuperare i dati perchè sono memorizzati nel journal.

fonte dell'articolo

Approfondimenti:

www.pluto.it

www.linuxdidattica.org